Scena II - La cattura in Persia

Venus Anh Scene II.jpg

>>English version available here

 

 

 

Scena II: LA CATTURA IN PERSIA

 

111 AC

 

La scena del libro: Dopo mesi di navigazione in fuga dal Vietnam, Madre Anh e Mastro Quyen approdano sulle coste dell’Impero partico, nella città di Gerrha (vicino all’attuale Dammam, in Arabia Saudita). Mastro Quyen viene decapitato dai soldati imperiali mentre Madre Anh, rimasta sola, è catturata e caricata su una nave mercantile che risale l'Eufrate fino alla città di Borsippa, vicino alle rovine dell’antica Babilonia. Qui Madre Anh viene venduta come schiava e finisce a lavorare nell’officina di un fabbro.

 

Nella scrittura di questa scena ho voluto dare grande risalto a uno dei temi fondamentali della storia: la speranza. Madre Anh e Mastro Quyen scappano da una zona di guerra in cerca di un posto più sicuro, migliore. Che cosa pensa Madre Anh in questa scena? Si è pentita di essere scappata dal Vietnam? Può davvero sperare in futuro roseo?

 

 

L’immagine: Madre Anh è tenuta prigioniera dai Parti nella città di Borsippa. Le catene simboleggiano la coercizione a cui è stata costretta per tutta la vita. Lo sguardo rivolto verso l’esterno rivela un distacco dalla situazione in cui si trova: sta pensando al passato o a un futuro migliore? Le sbarre della prigione, dritte e solide, contrastano con la sua vita tortuosa e imprevedibile. Non è chiaro se gli alberi fuori dalla finestra siano vivi o morti, questa ambiguità simboleggia l’incertezza del futuro.

 

 

Dietro le quinte: La fotografia è stata scattata nel Castello di Tassara, nel comune di Nibbiano (Piacenza). Lo staff ha soggiornato nel castello per quasi due settimane, durante le quali abbiamo realizzato le immagini per 18 scene del libro. Molti dei modelli coinvolti in queste scene risiedono a Roma e ci hanno raggiunto a Tassara solo per posare durante le scene che li riguardavano mentre Ysabel Loh (Madre Anh) è rimasta nel castello per un’intera settimana perché presente in diverse immagini.

 

Per scattare questa fotografia abbiamo esplorato varie zone del castello e Jonnhy (il nostro producer on set) ci ha aiutato a creare questa ambientazione in un garage in fondo all’edificio. Per fortuna abbiamo trovato una finestra con le inferriate!

 

ML Sund